Inquietante. Avvincente. Intrigante. Sono gli aggettivi con cui si può definire questo corposo thriller che ha come protagonista la ricerca scientifica sulla malattia di Alzheimer e come sfondo la medicina, l’etica e gli interessi finanziari. Gloria Bardi, docente di filosofia  e storia, e Massimo Tabaton, neurologo universitario catturano il lettore narrando l’avventurosa vicenda della morte di una ricercatrice medica, che  collaborava a un progetto volto a trovare una  terapia genica per l’Alzheimer.  “La malattia del secolo” come è scritto nel libro. Una posta in gioco molto alta che ha il nome di un farmaco,  Rigenerina, testato su topi geneticamente modificati e che dovrebbe essere ora sperimentato sull’uomo. Ma qui nasce  l’intrigo, che si snoda in poco più di tre settimane, dal 24 Ottobre al 19 novembre, tra l’Italia e New York,e che vede coinvolti interessi internazionali, case farmaceutiche e vite private. A muovere le fila fanatici nazisti ” con il chiodo fisso dell’eugenetica”,precisa uno dei protagonisti.